L'associazione

L'Associazione Vignaioli San Miniato nasce nell'estate del 2007 dalla volontà di alcuni produttori di vino che vedono nell'aggregazione la strada giusta per convogliare l'attenzione e promuovere il territorio di San Miniato ancora poco esplorato dagli amanti del vino.

In pochi sanno che il territorio di San Miniato è vitato sin dal periodo romano passando attraverso i Longobardi fino agli svevi. Molti gli scritti del Redi, i saggi di agricoltura di Giovan Battista Landeschi, parroco di Montorzo, e gli scritti di Cosimo Ridolfi che raccontano di secoli di florida viticultura. Una storia vitivinicola lunga duemila anni.

A San Miniato si coltivano varietà autoctone, tra le quali spicca prepotentemente il Sangiovese, e poi altri autoctoni come il Canaiolo, il Colorino ed il Trebbiano, Malvasia Bianca, San Colombano, Canaiolo Rosa, Malvasia Nera. Ma vi sono anche varietà alloctone quali il Cabernet; Merlot e Syrah. Curiosa è la presenza di Tempranillo, che sembra affondare le proprie origini negli antichi viaggi dei pellegrini sulla Francigena.

PDF Scarica lo Statuto dell'associazione

PDF Scarica le Cariche Sociali dell'associazione